L’esigenza di unirmi ogni volta con te

 

Un dolly che si alza su un campo di girasoli. Una macchina che ci entra dentro a tutta velocità. I volti impauriti di Giuliana e Leonardo. Ansimare. Guardarsi negli occhi senza sapere cosa fare. Buio. Con queste immagini è iniziata la mia avventura per la composizione della colonna sonora di “L’esigenza di unirmi ogni volta con te” di Tonino Zangardi. Con Tonino noi Mammooth avevamo già fatto “Sandrine nella pioggia”, una splendida esperienza. La sfida mi intrigava sapendo che Tonino è un appassionato di musica, un regista che lascia moltissimo spazio alle proposte musicali dei compositori e soprattutto che la musica dei Mammooth sulle sue immagini si sposa sempre alla perfezione. Tonino è un romantico nel senso più ampio del termine e noi non siamo da meno. La prima volta che ho visto lo struggente finale del film mi è salito un gigantesco groppo in gola e ci siamo guardati sorridendo delle nostre debolezze. Poi i suggerimenti musicali…Sarebbe meglio così, oppure così. Spalla a spalla in sala di montaggio con Tonino e Andrea Gagliardi. La domanda che mi sono fatto più volte è se volevo un mondo acustico o un mondo elettronico per descrivere il grande “amour fou” di Giuliana e Leonardo. Ero indeciso. Poi c’era un’altra difficoltà. Il film ad un certo punto cambiava registro e diventava un road movie stile “THE GETAWAY” di Peckinpah. Come governare musicalmente questo cambio di ritmo? Ho lavorato moltissimo scena per scena per poi accorgermi che l’intera colonna non si amalgamava. Poi improvvisamente mi è sembrato tutto chiaro. Il film è semplicemente una grande storia d’amore e non dovevo fare altro che far “parlare” il nostro sound introspettivo e romantico tra elettronica ed acustica. E così è tutto è andato al posto giusto. Ho montato “Unmade bed” sulla scena in cui Giuliana “chiude”, se così si può dire, il rapporto con il marito e non l’ho nemmeno dovuta editare. Era perfetta dall’inizio alla fine. La canzone “Adesso andiamo” invece , che insieme a “Il sogno di Giuliana” è uno degli architravi della soundtrack, è venuta di getto. E’ ispirata a tutto quello che non viene detto in quella bellissima scena finale, dentro la macchina, con la polizia alle calcagna. Il silenzio prima delle decisoni importanti. In quella canzone si dicono tutte le cose che Giuliana e Leonardo fino a quel momento non hanno avuto il coraggio o il tempo di dirsi.

Questa colonna sonora mi ha insegnato ancora una volta che le cose che cerchiamo spesso sono molto più vicine a noi di quello che pensiamo

“…una colonna sonora davvero emozionante, capace di far parlare le sensazioni di Giuliana e Marco…” “…a cavallo tra l’acustico e l’elettronico, in perfetta sintonia con i sentimenti non espressi dei protagonisti e incisiva nell’incarnare il cambio di registro del film da love story a road movie.”

Virginia Campione

cinematographe.it

L’esigenza di unirmi ogni volta con te (Italia, 2015)

Giuliana conduce una vita normale. E’ sposata da dieci anni con Martino, un marito poco passionale e più preoccupato del lavoro che di rendere felice sua moglie. Una mattina, due malviventi armati irrompono nel supermercato in cui lavora. Giuliana e la sua collega sono terrorizzate dalle minacce dei rapinatori, fino a quando Leonardo, un affascinante poliziotto che ha conosciuto da poco, non arriva a salvarle la vita. Da quel momento, nonostante il disperato tentativo di resistere alla passione, tra i due nasce un’attrazione senza limiti, che li porta a scelte estreme pur di rimanere insieme. Così, i due dovranno rispondere a una domanda fondamentale: fino a che punto ci si può spingere per vivere il proprio amore?

REGIA: Tonino Zangardi
ATTORI
: Claudia Gerini, Marco Bocci, Marc Duret, Antonino Iuorio
SCENEGGIATURA
: Angelo Orlando, Tonino Zangardi
FOTOGRAFIA: Dario Germani
MONTAGGIO: Andrea Gagliardi
PRODUZIONE: Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC), Apulia Film Commission, Atalante Film
DISTRIBUZIONE: Microcinema
DURATA: 90 Min