Eat me drink me

 

Un mondo aldilà dello specchio, l’equilibrio tra momenti estatici e assalti sonori – L’immagine capovolta di un affresco sonoro potente e coinvolgente

“EAT ME, DRINK ME” è la nuova luminosa anima dei Mammooth. A cinque anni dall’esordio di “Back in Gum Palace” siamo tornati con un lavoro sulla lunga distanza ricco di suggestioni pop, soul e blues declinate su un impianto IDM. Un cambio di rotta inaspettato ma che avevamo in mente da molto. L’electro-rock degli esordi ha lasciato spazio ad una forma ancora più contaminata, fascinosamente post-moderna, in cui i beats della house e della techno fanno da impalcatura a songs inconsuete, in equilibrio tra digressioni cinematico/psichedeliche e visioni dark, romanticismo e tentazioni slow disco. L’innesto della compositrice Cristina Carlini in fase di composizione, ha cambiato gli equilibri del nostro sound massimalista. Un tocco di semplicità puramente femminile che, anche nei testi, fa sentire il suo sapore agro-dolce. Le lyrics sono ancora una volta testimonianza di un mondo intimo e surreale, doloroso e inquieto. L’irrequietezza come centro di propulsione della vita, in cui la ricerca della bellezza rimane l’unico modo per restare vivi.

 

“L’elettronica diventa un mezzo introspettivo per rendere il pop leggerissimo e ballabile, per disperdere particelle luminose nella stanza e sollevare un fumo denso di inquietudini, che son rimaste le stesse dall’adolescenza e che ci trasciniamo ancora dietro come un bagaglio pesante e disperatamente indispensabile…un album che mette insieme sogni e risvegli, stagioni che cambiano e inquietudini che restano, con mano leggera e cura sapiente”

Margherita G. Di Fiore

rockit.it

Eat me, Drink me (Italia, 2015)

TRACKLIST
1. The Liar 00:30
2. Rain on me 02:52
3. Run away 03:59
4. Girl in the well 04:10
5. Poem 03:50
6. Evo 03:09
7. Nuclear war 05:13
8. Unmade bed 04:59
9. City 05:44

Riccardo Bertini: vocals, guitar, loops
Cristina Carlini: electro-drums, loops
Fabio Sabatini: keyboards,synths and loops

Produced by Riccardo Bertini and Mammooth. Recorded by Riccardo Bertini at MAMMOOTH STUDIOS. Mixed by Manolo Remiddi at ONLINE MIXING, London. Mastered by Manolo Remiddi at ONLINE MIXING.